ANTIFOAM P2 - Nuovo antischiuma siliconico in polvere

Pentachem ufficializza l’introduzione sul mercato del nuovo prodotto antischiuma ANTIFOAM P2, diretta evoluzione del già altamente performante ANTIFOAM P. Tenendo fede al suo credo ed alla continua ricerca di soluzioni innovative che possano semplificare il lavoro o garantire prestazioni più efficienti ai prodotti dei propri clienti, da tempo Pentachem stava lavorando alla ricerca di una evoluzione del proprio antischiuma a base siliconica Antifoam P in modo da realizzarne una versione aggiornata, più performante a livello di capacità di abbattimento della schiuma e con caratteristiche differenti in relazione alla tipologia di bolle d’aria sulle quali va ad agire.

Questa ricerca è sfociata nella formulazione di ANTIFOAM P2 che, grazie all’impiego di processi produttivi più finalizzati allo scopo ed alla sinergia trovata tra nuove materie prime, garantisce un livello di efficienza ancora più elevato rispetto al precedente Antifoam P agendo più ad ampio spettro sulla dimensione delle microbolle che è in grado di abbattere.

Nel grafico evidenziamo la performance dell’antischiuma a base siliconica Antifoam P2 confrontandola con quella di prodotti concorrenti a natura siliconica, poliolica o polisilossanica. Il grafico mostra come, già ai bassissimi dosaggi, ANTIFOAM P2 sia in grado di operare un abbattimento del contenuto di aria estremamente elevato e che quindi sia in grado di operare vicino alla massima efficienza già in piccolissime quantità.

 

Nei grafici che seguono riportiamo l’effetto dei diversi additivi antischiuma sullo spandimento e sul contenuto di aria di una malta autolivellante a basso spessore di riferimento:

 

Dall’analisi emerge immediatamente che anche a seguito di un elevato abbattimento di aria, che normalmente agisce come lubrificante all’interno della malta, non si ha diminuzione della scorrevolezza della stessa, poiché il flow resta pressoché inalterato pur avendo eliminato oltre l’80% dell’aria inizialmente presente.

Importante sottolineare come, al contrario di altri antischiuma disponibili sul mercato, sia Antifoam P che ANTIFOAM P2 non hanno influenza negativa sullo sviluppo delle resistenze meccaniche né alle brevi né alle lunghe stagionature; nei grafici che riportiamo di seguito sono infatti riportate le resistenze meccaniche a compressione di una malta normalizzata e di un autolivellante a basso spessore:

   


L’uso di Antifoam P2 è consigliato in tutti i formulati a base di leganti idraulici in genere, come cemento, calce o gesso ed in particolare in tutti quei prodotti ove sia richiesto il minimo contenuto di aria possibile, come ad esempio stucchi, rasanti o prodotti autolivellanti.
Antifoam P2 può essere utilizzato in ambienti sia neutri che alcalini ed è compatibile con tutti gli agenti schiumogeni, con le polveri ridisperdibili e con tutti gli additivi normalmente impiegati nella formulazione di malte secche premiscelate in genere.

 



Indietro